Il consumo critico visto dai nostri giornalisti

Dentro e dietro un carrello della spesa

Da la classe 2^U

I motivi che ci hanno spinti a svolgere una ricerca sui prodotti alimentari, per l’igiene personale e di uso domestico presenti nelle nostre case sono diversi:

innanzitutto, grazie a questa ricerca, abbiamo scoperto l’esistenza di multinazionali che hanno assorbito molte aziende un tempo italiane (ad esempio la Perugina, famosa per i suoi dolci “baci”).

In secondo luogo, siamo stati in grado di approfondire i comportamenti di queste multinazionali, le quali, spesso, non sono corrette nei confronti dell’ambiente, degli animali, dei lavoratori e del terzo mondo.

Infine ci siamo interrogati su come assumere atteggiamenti adeguati per un consumo consapevole: infatti, se vogliamo salvare noi stessi e il nostro pianeta, dobbiamo necessariamente imboccare la strada della sobrietà e del consumo critico, che ci permettono di tracciare una linea tra bisogni reali e bisogni imposti. A questo proposito, è ormai chiaro che sia possibile recuperare e riutilizzare molti oggetti attraverso il riciclo e che sia importante coinvolgere in questo i servizi pubblici, come ad esempio le scuole.

Inoltre, fare la spesa è un gesto quotidiano di portata planetaria, dietro al quale si nascondono problemi di carico sociale e politico. Abbiamo ad esempio analizzato il tenore di vita di un abitante del nord del mondo, messo a confronto con quello di un abitante del Sud. Ebbene, si è scoperto che se tutti gli abitanti della Terra consumassero quanto consumano gli abitanti del Nord, servirebbero altri sei pianeti da utilizzare come fonte di materie prime.

La prof Buzzola (Geo-Storia) ci teneva particolarmente a queste lezioni sul consumo critico perché capissimo che a volte, quando acquistiamo prodotti all’apparenza italiani, stiamo in realtà comprando da aziende straniere e scorrette.

Sarebbe perciò opportuno comprare dalle piccole aziende locali, in modo da sostenerle ed allo stesso tempo disporre di prodotti a chilometro zero.

In conclusione, grazie a queste lezioni non è stato difficile comprendere che è importante selezionare i prodotti che acquistiamo non solo in base al prezzo, ma anche alla storia delle aziende che ce li forniscono.

Pubblicata il 18 dicembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.